Corvara Rosso Igt Vallagarina e Pizza al Gruyere

Inzia con questa prima ricetta e questo primo abbinamento al Corvara Rosso Igt Vallagarina Albino Armani, la collaborazione fra il nostro blog e Alessandra Prizzon. Alessandra è una personal chef di Treviso, da molti anni si occupa di cucina, ricette e abbinamenti in rete e non solo in rete. Potete approfondire la sua attività su www.dicibodivino.comgustosamenteinsieme.blogspot o scriverle direttamente all’indirizzo gustosamenteinsieme@gmail.com

………………..

di Alessandra Prizzon (gustosamenteinsieme.blogspot.com) – Abbinamento apparentemente ardito quello che prevede di accompagnare una pizza ad un bicchiere di vino rosso importante; ma perché no, se il vino è capace di essere pieno e polposo al palato, catturando i sapori variegati degli ingredienti della pizza. La complessità tannica di Corvara Rosso Igt Vallagarina, cuveè che continee oltre a Merlot anche vigorosi autoctoni lagarini come  Marzemino e Corvina, si aggrappa bene, e la completa, alla decisa aromaticità del Gruyere, formaggio svizzero caratteristico per la sua sobrietà senza concessioni e piacionerie. Proprio come il nostro Corvara Rosso che per il suo stile rigoroso e austero abbiamo abbinato, con soddisfazione, alla nostra pizza di oggi.

Pizza al Gruyere

Ingredienti

500 gr di farina 0

acqua a temperatura ambiente quanto basta

30 gr di lievito di birra fresco

2 cucchiaini di sale fino

3 cucchiai d’olio d’oliva extravergine.

Condimento:

450 gr di salsa di pomodoro

3 spicchi d’aglio pelato

2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva

sale

200 gr di mozzarella

250 gr di Gruyere grattugiato

Corvara e pizza Mettete in una padella a scaldare l’olio d’oliva con gli spicchi d’aglio interi, aggiungete la salsa di pomodoro, sale q.b. e fate restringere per 5-7 minuti circa a fuoco vivo, quindi lasciate raffreddare la salsa.

In una spianatoia mettete metà della farina a fontana, sbriciolate il lievito e iniziate ad amalgamarlo alla farina aggiungendo acqua.

Lavorate con le mani, ma non energicamente, aggiungendo altra farina, l’olio d’oliva, e per ultimo il sale; dovrete ottenere un impasto liscio e morbido.

Con l’impasto ottenuto fate una palla e mettetela a riposare sotto una capiente terrina capovolta fino a raddoppiare di volume.

A questo punto prendete l’impasto e lavoratelo ancora un po’, quindi stendetelo su una teglia da forno.

Prima di condire la pizza potete farla lievitare ancora, otterrete uno spessore più alto.

Distribuite sulla pizza la salsa di pomodoro, la mozzarella tagliata a cubetti e il Gruyere, un pizzico di sale se serve; infornate in forno preriscaldato a 240 °C, modalità ventilato, tenendola sulla parte bassa del forno.

Cuocetela guardandola la pizza per almeno una ventina di minuti, ma si sa ognuno conosce il suo forno.

Portatela in tavola insieme ad una bottiglia di Corvara Rosso Igt Vallagarina Albino Armani

Ricetta e abbinamento a cura di Alessandra Prizzon

(E-mail: gustosamenteinsieme@gmail.com – Web:  gustosamenteinsieme.blogspotwww.dicibodivino.com)

 

Corvara Rosso: scheda tecnica

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.