Vendemmia e vendemmiatori a Sequals

WP_000008

La vendemmia è cominciata anche a in Friuli. E nella nostra cantina di Sequals, nella Grave, si sta lavorando a pieno regime. Dopo la fatica dei campi, la lotta alla siccità, finalmente si raccolgono i frutti. E’un rito della società contadina che si ripete, dietro le apparenze, sempre uguale a sè stesso da millenni. Anche nei momenti di pausa: quando si interrompe il lavoro comune e tutti insieme ci si ritrova attorno ad un tavolo. Non solo per mangiare ma anche per parlare, ancora, di uva, di vino e di vita. Insomma di noi.  E poi Renata cucina alla grande! Il gruppo di enologi pare ben rifocillato. Questa e’ la piccola cucina della cantina di Sequals: non manca davvero nulla e l’ottimismo e’palpabile. E’ un gruppo molto motivato, giovane ed entusiasta.

————-

WP_000009

Qui, siamo sempre a Sequals, la vendemmia meccanica è già avvenuta. Ma la cura del vigneto non si deve mai interrompere, nemmeno dopo la raccolta. Sulle viti di PInot Grigio interveniamo con l’irrigazione a pioggia, per lavare le foglie da mosto e prolungarne la vitalità. Insomma, in campagna non si finisce mai di lavorare.

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.