L’Amarone piace anche al ministro Catania

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania ad Anteprima Amarone 2009, sabato 26 e domenica 27 gennaio 2013 in Gran Guardia a Verona

Foto_Ministro_Mario_Catania_042COMUNICATO STAMPA – Sarà il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania a chiudere la tavola rotonda del 26 gennaio ad Anteprima Amarone 2009, che vedrà come relatori il Presidente del Consorzio Tutela Vini Valpolicella Christian Marchesini, il Presidente della Camera di Commercio di Verona Alessandro Bianchi e il Direttore Generale di Veronafiere Giovanni Mantovani, sollecitati sui vari argomenti dal giornalista “gastronauta” di Radio 24 Davide Paolini. Al Vicepresidente del Consorzio Daniele Accordini sarà affidata la presentazione dell’annata.

I temi trattati andranno a spiegare il successo dell’Amarone come frutto dell’evoluzione del territorio sia sotto il profilo tecnico vitivinicolo consentendo di ottenere un prodotto di qualità mediamente elevata che economico, determinando una crescita uniforme del “sistema Valpolicella”, una redditività sostenuta e una multiformità delle aziende. Verrà fatto il punto sull’attuale politica del Consorzio, mirata da una parte a preservare questo successo con iniziative votate a promuovere la sostenibilità ambientale, il controllo della superficie vitata e la riduzione delle rese, per mantenere la qualità ed un’equa remuneratività della filiera; dall’altra a difendere il prodotto da imitazioni e mistificazioni con programmi ad hoc di tutela e salvaguardia, promuovendo parallelamente la conoscenza dell’Amarone della Valpolicella presso i consumatori tramite iniziative di promozione e valorizzazione della denominazione nei Paesi esteri.

Afferma il Ministro: “Anteprima Amarone, giunta alla sua decima edizione, è l’occasione migliore per poter celebrare un decennio di assoluto successo di un vino che è patrimonio del Veneto ed orgoglio dell’Italia: l’Amarone della Valpolicella. Dieci anni che hanno dimostrato quale sia il valore dell’agricoltura, della viticoltura, strettamente connessa al territorio: grazie a questo prodotto infatti si è creato un circuito economico virtuoso, che vive della passione e della competenza di tanti operatori. L’Amarone della Valpolicella è ormai una bandiera del made in Italy nel mondo, con margini di crescita ancora da esprimere sui nuovi mercati. È questo il modello vincente da replicare in tutti i comparti: esaltare il legame tra qualità, tipicità ed origine.”

Anteprima Amarone si svolge con il patrocinio dell’OIV, l’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, della Camera di Commercio di Verona, della Regione Veneto e della Banca Popolare di Verona.

L’ingresso per il pubblico, il sabato dalle 16 alle 19 e la domenica dalle 10 alle 18, è a pagamento su invito, da richiedere ainfo@consorziovalpolicella.it

Siamo l'autore collettivo che raccoglie tutti gli autori di questo blog

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.