Casa Belfi, i vini della Favorita

vinnaturL4-150x209di Egle Capilupi – Quello di Villa Favorita, ormai, è un appuntamento fondamentale per chi in Italia e all’estero si occupa di vino naturale in tutte le sue diversi declinazi9oni. Quest’anno Vinnatur si svolgerà  dal 6 all’8 aprile, quasi in contemporanea con la data di Vinitaly, in via Della Favorita Monticello di Fara, a Sarego in provincia di Vicenza.

Saremo presenti anche quest’anno con i nostri vini Casa Belfi (Bianco, Rosso e Prosecco Coofondo) da quest’anno certificati biologici. L’edizione passata per noi fu un’occasione importante, perché oltre a farci conoscere tanti produttori che hanno puntato sui vini naturali e tantissimi consumatori che hanno dismostrato di apprezzare questi vini, abbiamo avuto la possibilità per la prima volta nella storia della nostra azienda di avvicinarci ad un segmento di mercato che consideriamo strategico per il futuro, quello del Giappone. E noi ci stiamo preparando all’appuntamento di Vinnatur 2013 con la stessa passione dello scorso anno.

 www.vinnatur.it

  ————————

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.