Trentatrè Trentini: in piazza (Duomo) ci saremo anche noi!

imagesCi sarà anche il nostro autoctono di razza della Val d’Adige – Terra dei Forti, il Foja Tonda (da uve autoctone Casetta) fra i Trentatrè Trentini di piazza Duomo, a Trento. E insieme al Foja Tonda ci sarà anche la Nera dei Baisi, ricostruzione e vinificazione di un vitigno della tradizione avvenute nella nostra Conservatoria di Dolcè, in collaborazione con il team di ricerca dell’Istituto di San Michele all’Adige.

Trentatrè Trentini è un progetto curato da Proposta Vini in collaborazione con Caffè Tridente, uno dei locali più prestigiosi che si affacciano sula fontana del nettuno. L’idea di fondo dell’iniziativa è quella di dare visibilità alla straordinaria e originale ricchezza enologica della tradizoine trentina, mettendo in contatto direttamente produttori e consumatori. Si comincia venerdì 15 febbraio e l’appuntamento si ripeterà ogni due settimane. Noi ci saremo per raccontarvi la Nera dei Baisi e il Foja Tonda: vi aspettiamo.

scarica il programma completo dell’iniziativa

Questo progetto è sostenuto anche dall’Enoteca del Trentino di Palazzo Roccabruna, nell’ambito del circuito “I vini dell’Impero, oggi come allora”. Prossimo appuntamento, a cui saremo presenti anche noi, sabato 23 febbraio ad ore 18.

La presentazione

Piazza Duomo a Trento, definita una delle più belle piazze urbane del mondo, rappresenta il centro storico e culturale non solo del capoluogo, ma di tutto il Trentino. Il cuore di questo territorio, che per secoli ne ha caratterizzato la grandezza, si fa oggi palcoscenico per mostrare un’altra peculiarità: la ricchezza della sua enologia. Fino a un secolo fa il Trentino era considerato la cantina dell’Impero Asburgico e, con l’incredibile varietà di vitigni presenti sul suo territorio, si produceva una gran quantità di vino che veniva commercializzata nelle altre provincie. Questo patrimonio è stato recuperato grazie a decenni di lavoro che hanno consentito, dopo anni di ricerche, di individuare e vinificare oltre 30 varietà di uve storiche dimenticate. Un impegno che vede oggi la possibilità di mostrare i suoi frutti nella prestigiosa vetrina del Caffè Tridente di piazza Duomo. Walter Botto, titolare del bar spiega così l’iniziativa: “A partire da venerdì 15 febbraio, ogni due settimane, mostreremo la ricchezza enologica del nostro territorio presentando quelli che abbiamo definito i “Trentatré Trentini” con la possibilità di degustarli tutti a bottiglia e, a rotazione, al bicchiere. Ogni quindici giorni, gli appassionati avranno inoltre la possibilità di incontrare, dalle ore 18 alle 20, un produttore che presenterà uno dei vini presenti, spiegandone le caratteristiche, la vinificazione e altri aspetti relativi al rimpianto di queste antiche varietà”. Eventi che si differenziano da qualsiasi altra degustazione, quindi, un aspetto così sottolineato da Botto: “Con questa iniziativa vogliamo rinsaldare il secolare connubio tra il territorio e il suo capoluogo e mostrare l’unicità della proposta eno-culturale del Trentino”.

Siamo l'autore collettivo che raccoglie tutti gli autori di questo blog

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.