Il Recioto sta riposando nel legno

fruttaio2di Alberto Massaro – Quest’anno, dopo piu di 4 mesi di riposo nel nostro fruttaio della Valpolicella, è stato pigiato il Recioto. Il re dei passiti dolci veronesi andrà a completare la gamma dei nostri vini della Valpolicella. Le uve che lo compongono,  Corvina, Rondinella e Croatina, sono state raccolte leggermente in anticipo per conservare la sanità e l’integrità del grappolo.  Durante il periodo di appassimento sono andate incontro ad una forte disidratazione, ancora maggiore di quella a cui sono sottoposti i grappoli dell’Amarone. Abbiamo ottenuto così un mosto carico di colore, dolcezza e profumi, che dopo qualche settimana di fermentazione, è stato svinato e raffreddato, ottenendo così un vino ad elevato residuo zuccherino, che ora sarà affinato in legno per alcuni mesi, per poi essere imbottigliato durante la prossima estate.

—————-

Neve in Valpolicella:

neve valpo

neve valpo2

paesaggio

Il fruttaio in Valpolicella:

fruttaio1

fruttaio2

 

fruttaio3

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.