Famolo strano, famolo Colfòndo!

colfondo

“O famo strano…?” Chissà perché all’assaggio del prosecco Colfondo Casa Belfi, mi è venuta in mente l’ormai  famosa domanda di quel film di Verdone!

Forse perché faccio parte e vivo nel “tempo moderno” dove il prosecco che conosco è il risultato di una tendenza modaiola, sempre più sofisticato, tecnologico e omologabile, e, se non altro per l’aspetto, sempre più simile ai blasonati spumantoni, tanto da dare dello strano ed estraneo a questo vino.
Io non sapevo che negli anni 70’, prima che fossero introdotte le autoclavi pressurizzate, quasi tutti i vini prosecco e non solo loro, erano rifermentati in bottiglia sui loro lieviti. Scopro piacevolmente…

Inizia così un brillante articolo firmato da Patrizia Saiola sul magazine Gustodivino.it, dedicato al nostro Colfondo Biologico Casa Belfi. Ne consigliamo la lettura…qui!

Siamo l'autore collettivo che raccoglie tutti gli autori di questo blog

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.