EnoHacker di tutto il mondo unitevi… a Dolcè

hacker1

La notte scorsa i server e i database che ospitano questo blog e il sito www.albinoarmani.com sono stati attaccati con successo da un’organizzazione hacker internazionale. Alcune funzioni fondamentali della rete digitale Albino Armani sono state messe fuori uso. Ma senza danni irreparabili. Gli “amici” pirati che se la sono presa con Albino Armani si sono comportati da gentiluomini e, soprattutto da veri hacker: si sono limitati a dimostrare che anche il sistema informatico aziendale di Albino Armani, come quello di tutti, non è del tutto sicuro e soffre di alcune fragilità. E lì si sono fermati. Avrebbero potuto “bruciare” tutti i contenuti on line, ma non lo hanno fatto. Insomma, alla fine, hanno fatto un favore agli informatici che seguono i server Albino Armani, che questa mattina, nel giro di poche ore, sono riusciti non solo a ripristinare tutte le funzionalità del sito e del blog, ma anche a individuare la falla del sistema. Albino (Armani), dopo un primo attimo di preoccupazione e di panico, questa mattina ha reagito nel migliore dei modi possibili, fra i mille modi in cui si può reagire in questi casi: “Facciamo un omaggio di Foja Tonda a questi hacker, che ci hanno insegnato qualcosa“. Appunto, grazie “amici” pirati (etici) e magari vediamo presto a Dolcè: il Foja Tonda è assicurato e magari voi potrete insegnarci ancora qualcosa.

Tiziano Bianchi, giornalista e wine blogger, collabora con la redazione di questo blog

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

L’azienda Albino Armani vanta una tradizione enologica familiare ultrasecolare. Al 1607 risalgono le prime testimonianze di proprietà di vigneti. Oggi il complesso progetto vitivinicolo è distribuito su tre regioni per un totale di 230 ettari in veneto, Trentino e Friuli. Dal 1962 il nucleo strategico è a Dolcè, nella parte meridionale della Valdadige, valle glaciale caratterizzata da una forte identità. Il forte legame col territorio che rischia di perdere i suoi antichi vitigni, è lo spirito guida del nostro lavoro. Per questo i nostri vini sono grandi descrittori delle terre in cui nascono: bianchi freschi e floreali, frutto di forti escursioni termiche e ventilazione costante e rossi dal carattere originale, freschi ma al contempo complessi.