Sauvignon Campo Napoleone e Parmigiana di Sarde

banner30

di Alessandra Prizzon (gustosamenteinsieme.blogspot.com – Il Sauvignon è un vitigno internazionale che ha sposato a meraviglia la Val d’Adige, donando uve davvero eccellenti. Il Sauvignon Campo Napoleone per le sue caratteristiche di freschezza e sapidità si sposa bene con piatti saporiti a base di verdure e pesce. Unire prodotti tipicamente mediterranei come la melanzana ed il pomodoro alle sardine, pesce azzurro dell’Adriatico, con il Montasio formaggio tipico tra Friuli e Veneto, mi è sembrato un bel tributo a questo vitigno che viene da lontano, ma ormai ha caratteristiche assolutamente locali, per ricordare che a volte a identificarsi con un territorio, una storia, una cultura non è solo dell’autoctono.

Ingredienti per 6-8 persone

1,1 kg di sardine

5-6 melanzane

1,3 kg di pomodori maturi

210 gr di Montasio mezzano

2 uova

170 gr di farina 00

80 gr di semola di grano duro

10 foglie di basilico

2 spiccio d’aglio

1 scalogno piccolo tritato

olio extravergine d’oliva

olio d’arachide per friggere q.b.

sale

 Grattugiate 150 gr di Montasio, i restanti 60 gr tagliateli a lamelle tenete da parte. Lavate i pomodori e sbollentateli per 2 minuti in acqua bollente, quindi fateli raffreddare, togliete la pelle i semi e raccogliete la polpa in una ciotola. Mettete a scaldare in un tegame 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, quindi aggiungete lo spicchio d’aglio, lo scalogno tritato, il basilico tagliato grossolanamente, sale q.b. Fate cuocere per circa 40 minuti, facendo ridurre; quando la salsa è pronta tenetela da parte facendola raffreddare senza coprirla. Tagliate a fette le melanzane, ne sottili ne grosse, friggetele nell’olio di arachide bollente, sgocciolatele e disponetele su dei fogli di carta assorbente per asciugare l’olio in eccesso. Squamate le sardine, privatele delle teste e delle interiora, lavatele in acqua corrente, apritele a libro e fatele asciugare nella carta assorbente. Mescolate la farina e la semola, aggiungete sale q.b; quindi passate le sardine nel misto di farine e friggetele sempre in abbondante olio di arachide. Sgocciolate e posatele su della carta assorbente per asciugare l’olio in eccesso. A questo punto avete tutti gli ingredienti per comporre la vostra parmigiana di sarde. Prendete una teglia da forno, ungetela con d’oliva e mettete un po’ di salsa di pomodoro sul fondo; iniziate a fare gli strati alternando, le melanzane, la salsa di pomodoro e le sarde, salate poco poco. Terminate la parmigiana con le melanzane e la salsa di pomodoro, prima di questo ultimo strato spolverate con il Montasio grattugiato e rifinite la parmigiana, disponendo sulla salsa di pomodoro che ricopre le lamelle di formaggio. Mettete a cuocere in forno preriscaldato a 180 °C, modalità ventilato, fino a quando non sarà asciugata e il formaggio in superficie dorato. Spegnete il forno e lasciatela dentro a intiepidire. Servitela tiepida con del pane tostato. Può essere un’ottima idea da finger food se tagliata a quadrati non molto grandi.

AbbinamentoSauvignon Campo Napoleone – Albino Armani IGT delle Venezie

Ricetta e abbinamento a cura di Alessandra Prizzon

(E-mail: gustosamenteinsieme@gmail.com – Web: gustosamenteinsieme.blogspot – www.dicibodivino.com)

——————————-

SAUVIGNON

Sauvignon Vigneto Campo Napoleone Igt delle Venezie
Territorio: Valdadige / Veneto
Linea: Albino Armani
Tipologia: Varietale

Zona di produzione: Località Campo Napoleone a Dolcè (VR)
Vitigno: Sauvignon Blanc 100% – Età del vigneto 25 anni.
Composizione suolo: Terreno Morenico,caldo,di media fertilità.
Vigneto: sistema d’allevamento e principali interventi colturali Caratteristica pergola trentina doppia. Potature invernali rigorose, seguite da interventi mirati sulla vegetazione per il controllo dell’apparato fogliare e della produzione. Difesa dai parassiti secondo i moderni dettami della lotta integrata. Vendemmia: Manuale, indicativamente a metà settembre.
Vinificazione e affinamento: Spremitura d’uve diraspate con macerazione sulle bucce a bassa temperatura per 10 ore. Separazione delle bucce a mezzo pressatura a bassa pressione e lunga fermentazione a 18° C. in serbatoi d’acciaio inossidabile. Affinamento a contatto dei propri lieviti e svolgimento parziale della fermentazione malolattica.
Profilo sensoriale: Colore giallo paglierino con riflessi verdolini. Profumo aromatico tipico con note primarie di peperone e salvia. In bocca ricco di frutti tropicali ed estremo equilibrio.
Conservazione: A bottiglia in piedi quando se ne prevede il consumo entro tempi brevi. Contrariamente si consiglia di mantenere la bottiglia coricata, a temperatura il più possibile vicina ai 16 – 18°C. ed al buio.
Bottiglia e contenuto: Bordolese da 0,75 lt.
Confezionamento: Scatola contenente 6 bottiglie poste orizzontalmente (12 per il mercato U.S.A.)
Abbinamento consigliato: Ideale con antipasti caldi e pesci salsati. Fantastico con tutte le preparazioni a base di asparagi.
Temperatura di servizio 12 – 14 °C.

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

L’azienda Albino Armani vanta una tradizione enologica familiare ultrasecolare. Al 1607 risalgono le prime testimonianze di proprietà di vigneti. Oggi il complesso progetto vitivinicolo è distribuito su tre regioni per un totale di 230 ettari in veneto, Trentino e Friuli. Dal 1962 il nucleo strategico è a Dolcè, nella parte meridionale della Valdadige, valle glaciale caratterizzata da una forte identità. Il forte legame col territorio che rischia di perdere i suoi antichi vitigni, è lo spirito guida del nostro lavoro. Per questo i nostri vini sono grandi descrittori delle terre in cui nascono: bianchi freschi e floreali, frutto di forti escursioni termiche e ventilazione costante e rossi dal carattere originale, freschi ma al contempo complessi.