La sfida fra TRENTO e Franciacorta passa per l’823

di Albino Armani – Mi ha emozionato la recensione apparsa ieri su Le Millebolleblog, firmata dal giornalista Franco Ziliani, a proposito del nostro 823 – Metodo Classico Pinot Noir 36 mesi – Albino Armani Maso Michei. A parte il punteggio (4,5 goledn star zilianiane), che naturalmente apprezzo fino in fondo, conoscendo il rigore e la severità del giornalista lombardo, a parte questo, dicevo, mi è piaciuta la chiusura del suo articolo: “Ecco il Trento Doc che mi piace, che vorrei sempre stappare! Se vini come questi si moltiplicassero, allora sì che i miei amici franciacortini dovrebbero preoccuparsi…“. Immaginare che il nostro Metodo non dosato possa essere, e diventare, un portabandiera vincente del confronto con altri territori blasonati come il Franciacorta, non può che farmi piacere. E soprattutto, mi suggerisce di continuare su questa strada.

Forse per raccontarvi di questo vino, basterebbe solo che vi rimandassi a questo articolo dell’aprile dell’anno scorso, dove raccontavo di una felicissima scoperta fatta al Vinitaly 2012 quando avevo scoperto queste “bollicine”, fantasticamente di montagna, le vigne, tra le più alte d’Italia e del Trentino, salgono fino a 890 metri di altezza, frutto di una collaborazione, ma dai, facciamo i grandi e chiamiamola joint venture!, veneto-trentina, quella tra il produttore veneto, area Val d’Agige veronese-Terra dei Forti, Albino Armani (che poi si è espanso inValpolicella, in Vallagarina in Trentino ed in Friuli) ed il trentino Giuseppe Tognotti, che una decina di anni fa ha creato in alta Val dei Ronchi, a nord di Ala, tra i Monti Lessini e le Piccole Dolomiti, la piccola azienda agricola che porta il nome del maso: Maso Michei. …

CONTINUA A LEGGERE

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

L’azienda Albino Armani vanta una tradizione enologica familiare ultrasecolare. Al 1607 risalgono le prime testimonianze di proprietà di vigneti. Oggi il complesso progetto vitivinicolo è distribuito su tre regioni per un totale di 230 ettari in veneto, Trentino e Friuli. Dal 1962 il nucleo strategico è a Dolcè, nella parte meridionale della Valdadige, valle glaciale caratterizzata da una forte identità. Il forte legame col territorio che rischia di perdere i suoi antichi vitigni, è lo spirito guida del nostro lavoro. Per questo i nostri vini sono grandi descrittori delle terre in cui nascono: bianchi freschi e floreali, frutto di forti escursioni termiche e ventilazione costante e rossi dal carattere originale, freschi ma al contempo complessi.