Ganzega 2013!

Ceradello anni Trenta

di Albino Armani – Domani ci ritroveremo assieme a dipendenti, vendemmiatori, amici alla nostra festa di fine vendemmia.

La Ganzega è un rito importante, segna una fine ed un inizio: il tempo di mezzo, sospeso e prezioso.

Abbiamo raccolto ed ora si festeggi!

Una stagione difficile, ricordiamo le inondazioni dei vigneti, la primavera fredda con cieli minacciosi, ricordiamo la crisi economica e le mille difficoltà di ogni impresa italiana. Ricordiamoci anche di quanto abbiamo raggiunto, tutti assieme. Dei risultati di cui essere tutti orgogliosi.

Abbiamo pagato puntualmente tutte le famiglie che ci hanno conferito le uve, centinaia di piccole e grandi aziende ci affidano il loro raccolto ogni anno.

Abbiamo pagato tutti i dipendenti ed adempiuto a tutti gli oneri fiscali.

Acquistato un piccolo terreno in Valpolicella sul quale, tra poco, inizieremo a costruire una nuova cantina.

Abbiamo coltivato e rinnovato i nostri vigneti trentini, veneti e friulani ottenendo delle uve strepitose.

Abbiamo investito nella cantina di San Polo, CasaBelfi, con nuovi serbatoi

Abbiamo ampliato la capacità della nostra cantina friulana

Abbiamo rifatto la centrale frigorifera a Dolce’, ampliandola.

Abbiamo lavorato sulla sostenibilità ambientale con il grande progetto collettivo della confusione sessuale.

Abbiamo investito sul nuovo marchio biologico CasaBelfi conquistando nuovi mercati.

Tanti piccoli traguardi da guardare con rispetto.

Per fare questo tutti ci siamo impegnati sino in fondo e credo sia questa l’unica ragione del nostro successo e della nostra crescita: siamo una squadra molto forte. Ci conosciamo tutti dal Friuli a Treviso, dal Maso Michei alla Valpolicella, da Chizzola a Dolcè: conosciamo le nostre debolezze e le nostre forze e ci rispettiamo.

Credo si possa copiare tutto della nostra azienda ma non le persone, non la determinazione che ognuno di noi ha dimostrato.

Devo ringraziare davvero tutti voi, che mi avete sopportato e avete consentito a tutti i miei sogni di realizzarsi.

Ringrazio i miei affetti a cui ho rubato il tempo che dovevo loro.

La nostra Ganzega abbia uno sguardo lungo sul tempo trascorso e sul tempo futuro: brindiamo con allegria ad un domani sereno, alla salute di tutti noi e di chi ci sta accanto!

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.