Il Vinorè

di Marco Campostrini – Visti i continui cambiamenti climatici e l’idea di ridurre tutti quei prodotti fitosanitari che danneggiano l’uomo e l’ambiente abbiamo iniziato un lavoro di sperimentazione con Tutzer, esperto vivaista altoatesino. Nel 2012, in seguito a diverse degustazioni di micro vinificazioni, abbiamo deciso di impiantare a Dolcè circa 230 piante di Vinorè, una varietà classificabile come resistente a malattie fungine quali Peronospora, Oidio e Botrite. Il Vinorè è una varietà che presenta una media grandezza dell’acino e il grappolo risulta essere leggermente spargolo. L’epoca della vendemmia si aggira attorno alla seconda metà di settembre. Il vino che si ottiene è rosso rubino intenso, il profumo è fruttato mentre al palato è strutturato e lungo.

Dopo 2 anni di impianto abbiamo i primi grappolini di uva e vista l’annata molto piovosa siamo molto contenti; infatti l’uva è perfettamente sana e la vegetazione mostra nessun segno di malattia non facendo nemmeno un trattamento. Ora aspettiamo la maturazione dell’uva e seguirà poi la prima micro vinificazione.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.