Nuovi portainnesti: buon lavoro Attilio!

Selezione_044

di Albino Armani – Ho partecipato fin dal primo giorno a questo progetto: credendoci. Fin dalla prima riunione Attilio ci espresse il suo rammarico per il destino incerto della ricerca sui nuovi portainnesti, giunta ad un buon punto ma carente di finanziamenti; diveniva urgente attivarsi senza se e senza ma.

La compagine iniziale degli imprenditori sensibili venne via via modificata sino ad arrivare al gruppo attuale: le aziende coinvolte oggi sono certamente motivate da un giusto spirito verso l’incentivazione dei progetti di ricerca.

Sono fiero di poter contribuire perché credo urgente colmare il gap di conoscenze che si protrae non da decine di anni ma da secoli: poter usufruire velocemente di nuovo materiale adatto ad una viticoltura mutata e moderna porterà un vantaggio a tutta la filiera e migliorerà le performance dell’intero settore vitivinicolo del nostro Paese.

Buon lavoro Attilio!

approfondimento: Mille Vigne

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

L’azienda Albino Armani vanta una tradizione enologica familiare ultrasecolare. Al 1607 risalgono le prime testimonianze di proprietà di vigneti. Oggi il complesso progetto vitivinicolo è distribuito su tre regioni per un totale di 230 ettari in veneto, Trentino e Friuli. Dal 1962 il nucleo strategico è a Dolcè, nella parte meridionale della Valdadige, valle glaciale caratterizzata da una forte identità. Il forte legame col territorio che rischia di perdere i suoi antichi vitigni, è lo spirito guida del nostro lavoro. Per questo i nostri vini sono grandi descrittori delle terre in cui nascono: bianchi freschi e floreali, frutto di forti escursioni termiche e ventilazione costante e rossi dal carattere originale, freschi ma al contempo complessi.