La Terra dei Forti a EXPO 2015

armani 1607 expo

Albino Armani 1607 sarà presente a EXPO 2015 come rappresentante del territorio Valdadige – Terradeiforti, in collaborazione con altre realtà vinicole della zona. Saranno proposte tipologie di Pinot Grigio, quali “Colle Ara” e “Corvara” e di  Casetta d.o.c. TerradeiForti, Foja Tonda.
Le esposizioni enologiche si terranno nello spazio dedicato ai vini DOC frutto dei produttori appartenenti ai 21 Consorzi della Regione Veneto.
I visitatori avranno la possibilità di approfondirne la conoscenza in un’area dedicata di 40 metri quadrati e con l’aiuto di tecnologie di ultima generazione.

Potrete scoprire e degustare i prodotti di Albino Armani e del territorio Valdadige – Terradeiforti nel settore riservato ai vini della regione Veneto, all’interno dell’area “Vino, a taste of Italy” costruita in posizione strategica e centrale in prossimità di Palazzo Italia.

Lo spazio dedicato all’esposizione dei vini (biblioteca del vino e colonne espositive), e alle degustazioni è situato al primo piano dell’edificio stesso.

expo uno

expo due

 

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.