Gualtiero Bertelli per Albino Armani 1607

1437268443

Gualtiero Bertelli, l’autore di una delle più belle ballate d’amore del Novecento: Nina te te ricordi, venerdì sera canterà in TerradeiForti e per la Terradeiforti.

SKYWINE – Quaderni di Viticultura, ha voluto affidare alle parole e alla fisarmonica del cantautore veneziano, il tag #territoriocheresiste. Da oltre 40 anni Bertelli è il narratore in lingua veneta (anzi veneziana) dei cambiamenti e dell’attualità che attraversano il suo territorio, con un approccio che inserisce il contesto geografico dentro le più grandi dinamiche della società contemporanea. Sono parole e una voce, quelle di Bertelli, che, pur rivendicando una fortissima appartenenza identitaria e di territorio, sanno dialogare con il mondo e con la contemporaneità.

E’ un po’ questo quello che SKYWINE sta cercando di costruire anche in Terradeiforti, il comprensorio vinicolo che comprende tre comuni veneti (Rivoli, Dolcè e Brentino Belluno, e un comune Trentino (Avio). Il recupero e il rilancio in chiave moderna e dialogante con il mercato di una tradizione vinicola che passa per due grandi autoctoni identitari (Casetta – Foja Tonda e Enantio – Foja Frastaglia). Le parole, la voce e la fisarmonica dell’amico Gualtiero Bertelli ci aiuteranno a scoprire l’orgoglio per un’identità territoriale, quella della Valdadige Terradeiforti, che ha voglia di misurarsi con il mondo e con le sue contraddizioni.

Ore 21, Vinoteca della Cantina Albino Armani 1607 – Località Ceradello Dolcè (VR) Seguirà degustazione di vini Terradeiforti abbinati ad un orzotto al radicchio e ai formaggi del Caseificio sociale di Sabbionara: tutti ingredienti rigorosamente provenienti da aziende dell’area Baldense.

Ingresso libero.

https://tackk.com/h2dfak

info@skywine.it

www.skywine.it

Siamo l'autore collettivo che raccoglie tutti gli autori di questo blog

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.