Adigemarathon 2015, noi ci siamo!

adige marathon

Adigemarathon 2015, Albino Armani 1607 c’è. Presentata questa mattina a Verona la più importante maratona fluviale d’Italia e una fra le più prestigiose d’Europa, in calendario il prossimo 4 ottobre. Trentacinque chilometri, fra Borghetto all’Adige in provincia di Trento e Pescantina, in pronvicia di Verona, lungo il fiume che segna e plasma quel tratto di Valdadige conosciuto come TerradeiForti.
Tappa per i professionisti della Classic Canoe Marathon World Series, Adigemarathon è aperta anche agli amatori che potranno scendere il fiume a bordo di gommoni partendo invece da Dolcè.
Il percorso prevede alcuni punti ristoro e stand di degutazione di piatti tipici della cucina veronese in piazza San Rocco, a Pescantina. Albino Armami 1607 sostiene questa manifestazione, che è ormai un pezzo di identità della Terradeiforti, mettendo a disposiione i pettorali per gli atleti e le bottiglie dei vini della Valdadige omaggiate ai partecipanti con una esclusiva etichetta dedicata alla manifestazione.

Ci vediamo il 4 ottobre sull’Adige!
Info su www.adigemarathon.com

Siamo l'autore collettivo che raccoglie tutti gli autori di questo blog

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.