Valpolicella in anfora

11988412_972383112818244_8373579522413513198_n

Ecco le prime anfore posate su sabbia, la cantina interrata è scavata nella roccia a Marano, in Valpolicella Classica.
Alcuni opinionisti bollano questo contenitore come modaiolo sminuendone la validità. La riscoperta e l’utilizzo di questo antico metodo di conservazione va valutata, a mio parere, con approccio tecnico, non ideologico. Abbiamo testato per anni a CasaBelfi l’anfora sia su bianchi che su vini rossi ed ora non torneremmo indietro.
Proverò l’argilla in Valpolicella sul Ripasso e sul Superiore testandone la porosità e la capacità di ossidazione lenta.
Poi, serenamente, valuteremo il risultato.
Buona vendemmia a tutti!

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.