Vitae La Guida Vini 2017: massimo riconoscimento al Foja Tonda

È con grande soddisfazione che condividiamo con voi il massimo riconoscimento delle 4 VITI che la Guida ai Vini d’Italia VITAE edita dall’Associazione Italiana Sommelier, ha assegnato al nostro


Valdadige Terradeiforti Casetta Foja Tonda annata 2012.

Felici di essere custodi di questo vitigno simbolo della nostra azienda, espressione pura di un territorio, che il consumatore ha imparato ad apprezzare per la sua unicità’ che sfida il tempo e le mode.

Grazie all’Associazione Italiana Sommelier per questo premio, che vede riconosciuto il nostro lavoro intrapreso molti anni fa con il progetto “Conservatoria”, un piccolo vigneto sperimentale diventato il luogo della memoria viticola della nostra terra in cui sono allevate con dedizione 13 “archeoviti” in via di estinzione e che fino a qualche decennio fa costituivano per buona parte il patrimonio viticolo della Vallagarina.

Vi aspettiamo
Sabato 29 ottobre 2016, dalle ore 14 alle ore 19
presso lo spazio The Mall del grattacielo Diamond Tower
Piazza Lina Bo Bardi, 1 – 20124 – Milano

per degustare assieme il nostro Foja Tonda!
5

Comments are closed.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.