Casa Belfi, Vini di Vignaioli a Fornovo

Uomo e uva uguale vino. Senza additivi aggiunti. E questo è il Vino di Vignaioli. Vini biologici e vini biodinamici, naturali e senza residui. Vini che rispettano un protocollo etico rigoroso di vignaioli che “dicono quello che fanno e fanno quello che dicono  su tutto il processo di elaborazione del vino, dalla coltivazione all’imbottigliamento, passando per la vinificazione”. Al festival dei Vini di Vignaioli di Fornovo, in provincia di Parma, i prossimi 2 e 3 novembre 2014, saranno presenti anche i

Continue Reading

Alle radici del Sauvignon friulano

Il nostro Sauvignon 2013 Friuli Grave Doc si e’ classificato al secondo posto alla 1° Edizione della Mostra Concorso Sauvignon Principe del Friuli, promosso dalla manifestazione “Le radici del vino” che si è svolta a San Giorgio della Richinvelda, fra il 16 e il 19 ottobre. Premio speciale anche per la nostra etichetta nella sezione del concorso riservata al miglior packaging.

Aziende e Università: i portainnesti del futuro

Università, ricerca e produttori insieme: all’orizzonte i portainnesti per il nuovo secolo. Più adatti e più efficienti per garantire un maggior assorbimento radicale dal terreno. E’ una notizia in qualche modo “storica”, quella che racconta dell’impegno di una decina di aziende vitivinicole italiane e di alcuni centri di ricerca nazionali nella progettazione e la creazione di quattro nuovi portainnesti per le viti. Storica, per almeno un paio di ragioni. Era dalla fine dell’Ottocento, da quando la viticoltura europea fu costretta

Continue Reading

Il vino, la grande guerra e il futuro

Albino Armani 1607 sostiene anche quest’anno la prestigiosa manifestazione “Proposte per il XXI Secolo – Percorsi delle idee e della politica“, che si terrà ad Asiago dal 16 al 24 agosto. Nel centenario dello scoppio del conflitto che segnò la fine dei grandi imperi europei, ad Asiago il tema della guerra entrerà prepotentemente. Ma ad Asiago si parlerà anche di giustizia, di ordinamenti nazionali, di Mediterraneo e di vino e di cucina nella storia dell’arte. Noi ci saremo. E aspettiamo anche

Il ferormone vince anche a Sequals

La difesa in campagna affidata alla tecnica della “confusione sessuale” sta dando ottimi risultati anche a Sequals. I risultati del sopralluogo effettuato nei giorni scorsi dal Giorgio Malossini, tecnico del Servizio Ricerca e Sperimentazione dell’ERSA, e dal dottor Carlo Bassanetti, Assistenza tecnica Confusione Sessuale BIOGARD Pheromones Supervisor Nord Italia, sono stati molto soddisfacenti. Dei 200 grappoli controllati negli otto ettari protetti dai diffusori di ferormone per il campionamento della seconda generazione di tignola (Eupoecilia ambiguella) e tignoletta (Lobesia botrana,) nessuno

Continue Reading

L’Amarone d’oro di Mundus Vini

di Albino Armani – Ci è stato comunicato ieri il responso della commissione dei giurati di Mundus Vini, uno dei più accreditati concorsi enologici mondiali. La degustazione si è svolta in Germania qualche settimana fa. Ebbene, il vino che avevamo presentato: Amarone 2008 della Valpolicella Doc Albino Armani 1607 – si è meritato la Medaglia d’oro del Concorso. In un concorso che attribuisce riconoscimento solo al 40 % dei campioni presentati e provenienti da tutto il mondo. Al nostro Amarone sono state

Continue Reading

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.