Amarone Albino Armani, Amarone Slow Wine

  L’Amarone Albino Armani 2010 entra nella TOP12 di SLOW WINE MAGAZINE! Grazie SLOW WINE! Mette subito in mostra una ricercata armonia tra le varie componenti dolci: all’olfatto, così come al gusto, si fondono bene le note di liquirizia dolce (la rondella Haribo del cinema), un bel frutto carnoso e una leggera nota tostata. Questo profilo dolce non difetta comunque di acidità e freschezza, e quindi il vino scorre al palato senza intoppi. – Scarica gratuitamente Slow Wine Magazine

Ponte di Legno: i giornalisti si preparano alle gare con l’Amarone

Si è aperta ieri sera al Palazzetto dello Sport di Ponte Legno la 60° edizione del Meeting internazionale dei Giornalisti sugli sci, quest’anno organizzata dal Gis, i Giornalisti Italiani Sciatori. La Opening Ceremony si è svolta sotto il segno del Prosecco Albino Armani Doc e dell’Amarone Albino Armani. Le degustazioni, che hanno suscitato l’entusiasmo e la curiosità dei professionisti dell’informazione internazionale, sono state assistite impeccabilmente dalla sommelier Roberta Romano, dell’Ais di Brescia.

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.