L’Amarone piace anche al ministro Catania

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania ad Anteprima Amarone 2009, sabato 26 e domenica 27 gennaio 2013 in Gran Guardia a Verona COMUNICATO STAMPA – Sarà il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania a chiudere la tavola rotonda del 26 gennaio ad Anteprima Amarone 2009, che vedrà come relatori il Presidente del Consorzio Tutela Vini Valpolicella Christian Marchesini, il Presidente della Camera di Commercio di Verona Alessandro Bianchi e il Direttore Generale di

Continue Reading

Anteprima Amarone: la storia di un vino di successo

COMUNICATO STAMPA “Anteprima Amarone: la storia di un vino di successo” ripercorsa in occasione del decennale della manifestazione , che si terrà nel Palazzo della Gran Guardia di Verona sabato 26 e domenica 27 gennaio 2013 Verona, 7 gennaio 2013 Sarà un’edizione speciale di Anteprima Amarone quella che si terrà il 26 e 27 gennaio 2013 nel Palazzo della Gran Guardia di Verona. La manifestazione celebra infatti il proprio decennale e contestualmente presenta, come da consuetudine, l’annata 2009, di prossima

Continue Reading

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.