Casetta, una storia di frontiera

Mentre ci stiamo preparando a partire per il Salone del Gusto – Terra Madre di Torino, dove presenteremo il nostro Foja Tonda (da uve Casetta), vi proponiamo i risultati di un lavoro di ricerca effettuato dai ricercatori della FEM (Istituto San Michele) in collaborazione con Albino Armani 1607; lo ha curato Tiziano Tomasi, ricercatore e lui stesso coltivatore di Casetta e produttore del Majere La Cadalora che, insieme al nostro Foja Tonda, e al Casetta di Tenuta La Casetta, sarà in degustazione

Continue Reading

Vieni con noi ad Autochtona 2012

Anche noi parteciperemo ad Autochtona 2012, il prestigioso evento ospitato dalla Fiera di Bolzano il 22 e il 23 ottobre. Ci saremo con 11 etichette della nostra azienda, a testimonianza dell’impegno con cui in questi anni abbiamo lavorato attorno al concetto di appartenenza territoriale, in Trentino, in Veneto e in Friuli. Le bottiglie che porteremo a Bolzano sono: Foja Tonda, Marzemino, Teroldego, Schiava, Cuslanus, Rpasso, Vapolicella Superiore, Refosco, Friulano, Colfondo e Prosecco. Sempre nell’ambito di questa manifestazione, parteciperemo anche al

Continue Reading

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.