Una Doc per il Colfòndo Casa Belfi

Cari amici ho bella notizia da comunicarvi: con l’annata 2012 il nostro Colfòndo Casa Belfi non è più “Glera Igt Veneto”, ma rientra nella denominazione “Prosecco Doc”. La bottiglia si presenta in una versione aggiornata, con l’inserimento della dicitura “Bio” sulla chiusura e in etichetta dei parametri relativi all’ente certificatore che attesta la qualità del nostro vino biologico. Siamo orgogliosi di essere fra i pochi produttori di Prosecco nella tipologia di Colfòndo biologico. Un lavoro che premia il lavoro di Albino Armani

Continue Reading

Vini Bio, una sensazione

di Albino Armani – Bello  e interessante il convegno di oggi a San Floriano, dedicato ai vini bio. E soprattutto interessanti e buoni i vini biologici in degustazione. Ma su questa cosa ci tornerò su, nei prossimi giorni. Perché sono convinto che questo sia uno di qui temi che ci impegneranno nei prossimi anni. Albino —– English Version ORGANIC WINE: A SENSATION abstract and translation by Egle Capilupi –Today I attended a meeting  in Valpolicella about organic wines and found it

Continue Reading

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.