La Conservatoria

La nostra Conservatoria, vigneto che costeggia la nostra cantina di Dolcè, raccoglie una collezione di vitigni autoctoni in via di estinzione della Vallagarina trentina e veneta. Sui quali, anche grazie alla collaborazione la FEM – Istituto Agrario di San Michele, ogni anno eseguiamo numerose prove di microvinificazione, con l’obiettivo di capire quante e come queste uve  un giorno possano diventare vino. Come un tempo. I nostri Foja Tonda – Casetta e Nera dei Baisi nascono dall’esperienza della nostra Conservatoria.. Vi

Continue Reading

Albino Armani, l’inquietudine del vino

di Alberto Massaro – Il Foja Tonda 2009 e Nera dei Baisi 2009 parteciperanno alla prima edizione della rassegna Vini Inquieti, in programma a Finalborgo in provincia di Savona dal 31 maggio al 2 giugno nel bellissimo complesso monumentale dei chiostri di Santa Caterina. La manifestazione, che è organizzata dall’ONAV, vedrà la partecipazione di vini provenienti da vitigni autoctoni, rari, sperimentali e poco consueti, provenienti da tutta Italia. I vini saranno valutati da una commissione di esperti. L’evento ci permetterà

Continue Reading

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.