Paolo De Castro: potere ai consorzi

comunicato stampa – L’Onorevole Paolo De Castro, Presidente delle Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, ha presentato, nell’ambito di un incontro organizzato dal Consorzio Tutela Vini Valpolicella, le novità dell’Organizzazione Comune dei Mercati (OCM – UNICA) dal 2014 al 2020, che interessano il comparto vitivinicolo. Sollecitato nel corso dell’incontro su argomenti specifici, De Castro ha fornito una serie di utili delucidazioni.Diverse le questioni sul tappeto, prima tra tutte l’impatto del greening (l’obbligo di superficie ecologica) su una cultura permanente qual è

Continue Reading

Consorzio Tutela, casa comune della Valpolicella

Dall’Ufficio Stampa del Consorzio Tutela Vino Valpolicella Votato l’erga omnes nello statuto del Consorzio Valpolicella   COMUNICATO STAMPA Approvata all’unanimità dall’assemblea dei soci l’introduzione dell’erga omnes nello statuto del Consorzio Tutela Vini Valpolicella. Uno strumento che chiama tutti coloro che utilizzano la denominazione a sostenere finanziariamente il lavoro di promozione, valorizzazione, vigilanza e tutela affidato dal Mipaaf al Consorzio. Un’opportunità per entrare tutti in una “casa comune”, dove decidere le strategie per mantenere il successo dei vini Valpolicella   Verona,

Continue Reading

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.