Nera dei Baisi, il recupero di un vitigno

Anche la rivista on line Winetaste.it si occupa della nostra Nera dei Baisi. Ieri Roberto Gatti ha pubblicato un interessante articolo sul nostro lavoro di recupero di questo antico vitigno originario della Vallarsa, condotto nella nostra Conservatoria di Dolcè insieme ai ricercatori dell’Istituto Agrario di San Michele. da Winetaste.it – Conosco da molti anni la Valdadige, sia come zona geografica, sia da un punto di vista ampelografico, dal momento che in diverse occasioni vi ho soggiornato per partecipare ai primi

Continue Reading

Amarone Cuslanus secondo Roberto Gatti

E’ apparsa nei giorni scorsi su Winetaste la degustazione comparata fra gli Amarone 2009 disponibili ad Antemprima Amarone. Ecco qui il nostro Amarano Cuslanus secondo le note tecniche del Sommelier Roberto Gatti: “Albino Armani, Amarone della Valpolicella Classico “Cuslanus” (disponibile da dicembre 2013): Granato luminoso di buona intensità. Di buona eleganza, sentori di castagne, discreta intensità olfattiva. Media struttura, elegante, fresco, note balsamiche, asciutto, buona persistenza. 87-88/10”.   –  Winetaste

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.