Navelli, un paradiso naturale

Anche quest’anno siamo stati invitati, per la seconda volta consecutiva, a Naturale, fiera-rassegna del vino artigianale prodotto secondo natura e tradizione, che riaprirà le porte a Palazzo Santucci di Navelli (L’Aquila) l’11, 12 e 13 maggio 2013. Manifestazione a cura dell’associazione culturale DinamicheBio. Abbiamo accettato con entusiamso l’invito degli amici abruzzesi e a maggio saremo a Navelli con i vini biologici di Casa Belfi (Bianco, Rosso e Prosecco Colfondo), prodotti a San Polo di Piave, nella Marca Trevigiana, dalla nostra

Continue Reading

Il Colfòndo naturale di Casa Belfi si nutre di alghe canadesi

di Maurizio Donadi – La foto, scattata questa mattina fra i vigneti di Glera Casa Belfi a San Polo di Piave (Tv), ritrae lo spargimento di un composto a base di alghe marine, provenienti dall’Atlantico canadese (Nuova Scozia). Si tratta di un’alga della specie Ascophillum nodosum: sottoposta al continuo lavorio delle maree, l’alga ha imaprato ad adattarsi ad ambiente difficili e ha sviluppato un ricco patrimonio ormonale che stimola la crescita.  Il composto che usiamo per i nostri vigneti a

Continue Reading

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.