Pinot Grigio? Sì, ma quale?

di Albino Armani – Il Pinot Grigio Valdadige Doc sembra mantenere le quotazioni dello scorso anno: se ciò venisse confermato comporterebbe un aumento di reddito ad ettaro grazie all’incremento generale di produzione rispetto allo scorso anno. La quotazione del Pinot Trentino anche quest’anno pare correlata e fortemente influenzata dalla Valdadige con circa 10 euro al quintale di vantaggio. La Doc Trentino pare non riuscire a brillare di luce propria subendo spesso cospicui declassamenti a favore della più consistente Valdadige. Diversa

Continue Reading

Buona vendemmia 2013

di Albino Armani – Ho girato molto in questi ultimi giorni fra il Trentino il Veneto e il Friuli per parlare con gli agricoltori e verificare la situazione in vigna. La produzione quantitativa sembra buona ovunque, con lievi eccessi in Trentino e nel trevigiano. Le piogge della scorsa settimana hanno apportato ovunque una buona riserva idrica. L’ aspetto sanitario ad oggi pare buono, tranne alcuni focolai di marciume molto contenuti su Chardonnay e Pinot Grigio. La produzione in Friuli pare mediamente inferiore

Continue Reading

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.