Mi presento, mi chiamo Colfòndo… e faccio innamorare

Poco fa, mentre mi dedicavo ad una delle mie consuete ricerche mattutine in rete, sono finito su wining.it e ho ritrovato un articolo postato sei mesi fa dalla brava Michela Pierallini dedicato al Colfòndo Casa Belfi – Albino Armani. Michela è sempre coinvolgente nella sua prosa; questa volta parla d’amore e di innamoramenti, di fedeltà e di infedeltà. E si lancia in un’intervista immaginaria con il metodo familiare della tradizione contadina veneta: il Colfòndo. Me lo sono divorato quel dialogo

Continue Reading

Foja Tonda? Il vino di Beatrice…

“… Fra i tanti buoni vini della costellazione di cantine guidate da Albino Armani, uomo garbato del Nord Est, ho dato la mia personale “corona” al Foja Tonda (vitigno autoctono Casetta) Terra dei Forti Valdadige Doc 2009: un rosso dalle tinte fredde, prugna, marasca,  balsamico e terra bagnata, molto suadente, elegante, vibrante. Beatrice annuisce fellice …”. Sono le parole che Umberto Gambino, su Wining.it, ha dedicato al nostro Foja  2009, degustato durante le giornate di Vinitaly 2013. – Articolo integrale

Site Footer

Sliding Sidebar

About Us

About Us

Quattrocento anni nella vigna e una passione infinita per il vino. La storia della famiglia Armani e quella della viticoltura nella Valle dell’Adige, fra le province di Trento e Verona, procedono insieme, senza interruzione, da oltre 4 secoli. Oggi  “Albino Armani Viticoltori dal 1607” vuol dire territorio, anzi territori. La storica proprietà a Dolcè, in Valdadige, provincia di Verona, è affiancata da altre due tenute in Veneto: una a Marano nella Valpolicella Classica  e una in provincia di Treviso,  a San Polo di Piave, per la produzione di vini biodinamici, oltre alle due tenute in Trentino e Friuli. Le cinque cantine presidiano il territorio vinificando le uve dei vigneti circostanti. In ciascuna di esse il filo conduttore è un terroir capace di restituire ai vini i caratteri della zona di provenienza. Il quartier generale rimane a Dolcè, dove si può visitare anche la “Conservatoria” delle viti autoctone  in via di estinzione della Valdadige.